Mifid 2: salto nel vuoto o grande opportunità?

Aprile 2018

Anno  VI – n. 21

Tre mini imprese: è questo l’obiettivo del progetto “Apprendere X Riprendere”, l’intervento di alternanza scuola-lavoro ideato e realizzato dall’Onlus di Federmanager. Di che cosa si tratta?
I manager mettono a disposizione le loro competenze manageriali e tecniche ed affiancano, in qualità di mentor, gli studenti delle scuole del Centro Italia, prioritariamente quelle presenti nei territori colpiti dal terremoto, per la creazione di piccole aziende. La mini impresa, per la sua concretezza e vicinanza alla realtà, rappresenta un’esperienza unica per chi ne fa parte, realizzando efficacemente quella contaminazione di contenuti, metodologie, strumenti e competenze richieste sia dalla scuola sia dalle imprese. La connessione tra manager, scuola e territorio diviene determinante nel processo di crescita del giovane solo a condizione che lo accompagni nello sviluppo di competenze trasversali, utili per la sua realizzazione personale e per la progettazione del suo futuro lavorativo; così le scuole possono diventare competitive nel confronto con i servizi formativi degli altri Paesi europei. I progetti di alternanza scuola-lavoro, se non fini a se stessi o strabordanti di prosopopea, possono avere successo purché i ragazzi siano accompagnati nello sviluppo di soft skills, capacità e competenze che la scuola fatica ancora a dare attraverso una didattica “tradizionale”.
Perché ne parlo? Perché ho sempre asserito che la finanza ricopre un ruolo strategico per la crescita della società, sia in termini culturali che in termini economici e di sviluppo industriale, e perché credo che questa iniziativa meriti di essere replicata.

(P.Gregori;”Con la ventiquattrore a scuola” editoriale)

[flipbook pdf=”https://www.copernicosim.com/wp-content/uploads/2018/04/rivista-Copernicano-21.pdf”]