Azionariato

Obblighi informativi degli Azionisti Significativi

Ai sensi del Regolamento Emittenti AIM Italia approvato e pubblicato da Borsa Italiana e successive modifiche e integrazioni (“Regolamento Emittenti AIM”) chiunque coloro che partecipano al capitale dell’emittente devono pertanto comunicare ogni “cambiamento sostanziale” ovvero il raggiungimento o il superamento delle soglie del 5%, 10%, 15%, 20%, 25%, 30%, 50%, 66,6% e 90% del capitale sociale dell’emittente AIM, nonché la riduzione al di sotto delle soglie anzidette, al fine di consentire all’emittente stesso di comunicare tramite SDIR il cambiamento sostanziale.

Ai fini del calcolo delle partecipazioni detenute dall’azionista c.d. significativo – che cioè detiene almeno il 5% del capitale sociale – devono computarsi i) le partecipazioni di cui è titolare (anche se il diritto di voto spetta o è attribuito a terzi); ii) le partecipazioni in relazione alle quali spetta o è attribuito il diritto di voto; iii) le azioni di cui sono titolari persone interposte, fiduciari, società controllate o per le quali il diritto di voto spetta o è attribuito a tali soggetti; e iv) le azioni complessivamente conferite in un patto parasociale avente per oggetto l’esercizio del diritto di voto nell’emittente.

Tempestivamente, e comunque entro 4 giorni di negoziazione dall’operazione che determina il sorgere dell’obbligo (indipendentemente dalla data di esecuzione) o dal giorno in cui è giunto a conoscenza degli eventi che comportano modifiche del capitale sociale dell’emittente, l’azionista significativo deve comunicare all’emittente stesso:

(a) la propria identità;

(b) la data in cui l’emittente è stato informato;

(c) la data in cui è avvenuto il cambiamento sostanziale delle partecipazioni;

(d) la natura e l’entità della partecipazione dell’azionista significativo nell’operazione.

La comunicazione può essere effettuata utilizzando il modulo allegato, anticipato via e-mail all’indirizzo [email protected] e successivamente inviato in originale tramite raccomandata (Copernico SIM S.p.A. – via Cavour, 20 – 33100 Udine) o all’indirizzo PEC  [email protected]

INFO AZIONARIATO

DescrizioneNumero Azioni
Capitale Sociale1.950.000
Lotto Minimo di Negoziazione250
AzionistaNumero AzioniPercentuale capitale sociale
Saverio Scelzo 769.500 39,46
Piergiorgio Scelzo*110.500* 5,67
Furio Impellizzeri 105.000 5,38
Carlo Milesi 105.000 5,38
Azioni proprie55.500 2,85
Altri azionisti 297.750 15,27
Mercato506.750 25,99
Totale 1.950.000 100

* Incremento a seguito di sottoscrizione nell’ambito dell’Offerta di n. 5.500 Azioni.

Lock-Up:

 

In data 5 luglio 2019, la Società, gli Azionisti Venditori e tutti gli altri azionisti della Società a tale data diversi dagli Azionisti Venditori hanno sottoscritto i seguenti accordi di lock-up con il Global Coordinator.

La Società si è impegnata nei confronti del Nomad e Global Coordinator, per un periodo pari a 12 mesi decorrenti dalla Data di Inizio Delle Negoziazioni, salvo il caso di deroga con il preventivo consenso scritto del Global Coordinator ovvero in ottemperanza a obblighi di legge o regolamentari ovvero a provvedimenti o richieste di autorità competenti, a: a) non effettuare operazioni di vendita, trasferimento, atti di disposizione o comunque operazioni che abbiano per oggetto o per effetto l’attribuzione o il trasferimento a terzi (ivi inclusa la concessione di diritti di opzione, costituzione di pegni o altri vincoli, prestito titoli), a qualunque titolo e sotto qualsiasi forma, in via diretta o indiretta, delle azioni proprie (ovvero di altri strumenti finanziari, inclusi tra l’altro quelli partecipativi, che attribuiscano il diritto di acquistare, sottoscrivere le azioni proprie nonché convertire in o scambiare con le azioni proprie); b) non emettere né collocare (anche tramite terzi o con alcun’altra modalità) sul mercato Azioni della Società o warrant della Società; c) non emettere e/o collocare sul mercato obbligazioni convertibili o scambiabili con, Azioni della Società o in buoni di acquisto o di sottoscrizione in Azioni della Società, ovvero altri strumenti finanziari, anche partecipativi, che attribuiscano diritti inerenti o a tali azioni o strumenti finanziari; e d) non apportare alcuna modifica alla dimensione e composizione del capitale della Società, ivi inclusi aumenti di capitale e emissioni di Azioni; e non approvare e/o effettuare operazioni su strumenti derivati, che abbiano i medesimi effetti, anche solo economici, delle operazioni sopra richiamate.

Gli Azionisti Venditori (che detengono complessivamente una partecipazione pari al 7,70% del capitale sociale alla Data del Documento di Ammissione) hanno assunto nei confronti del Nomad e Global Coordinator impegni di lock-up validi fino a 18 mesi dalla Data di Inizio delle Negoziazioni e sul 100% delle Azioni della Società detenute alla data di sottoscrizione dell’accordo (fatta eccezione per la azioni che saranno oggetto di vendita nell’ambito del collocamento pari al 4,15% del capitale sociale alla Data del Documento di Ammissione) (le “Azioni Vincolate degli Azionisti Venditori”) ed in particolare l’impegno, salvo il caso di deroga con il preventivo consenso scritto del Global Coordinator, a: a) non effettuare, direttamente o indirettamente, operazioni di vendita, trasferimento, atti di disposizione o comunque operazioni che abbiano per oggetto o per effetto, direttamente o indirettamente, l’attribuzione o il trasferimento a terzi, a qualunque titolo e sotto qualsiasi forma (ivi inclusa la concessione di diritti di opzione, costituzione di pegni o altri vincoli, prestito titoli) delle Azioni Vincolate degli Azionisti Venditori (ovvero di altri strumenti finanziari, inclusi tra l’altro quelli partecipativi, che attribuiscano il diritto di acquistare, sottoscrivere Azioni Vincolate degli Azionisti Venditori nonché convertire in o scambiare con le Azioni Vincolate degli Azionisti Venditori); e b) non approvare e/o effettuare operazioni su strumenti derivati, che abbiano i medesimi effetti, anche solo economici, delle operazioni sopra richiamate.

Restano in ogni caso escluse dagli impegni assunti da ciascun Azionista Venditore (oltre alle azioni oggetto di vendita: a) le operazioni di disposizione eseguite in ottemperanza a obblighi di legge o regolamentari; b) i trasferimenti in adesione ad un’offerta pubblica di acquisto o scambio sui titoli azionari della Società e rivolta a tutti i titolari di strumenti finanziari della Società; c) la costituzione o dazione in pegno delle Azioni della Società di proprietà dell’Azionista Venditore alla tassativa condizione che allo stesso spetti il diritto di voto, fermo restando che l’eventuale escussione del pegno da parte del creditore pignoratizio dovrà considerarsi alla stregua di un inadempimento dei divieti di alienazione di cui all’accordo; d) trasferimenti mortis causa; e e) eventuali trasferimenti da parte dell’Azionista Venditore a favore di una o più società direttamente e/o indirettamente controllate dallo o controllanti lo stesso, ai sensi dell’art. 2359, comma 1, del codice civile.

Anche i soci fondatori e azionisti rilevanti Saverio Scelzo, Furio Impellizzeri, Carlo Milesi e Piergiorgio Scelzo (che detengono complessivamente una partecipazione pari al 72,30% del capitale sociale alla Data del Documento di Ammissione) nonché altri n. 40 azionisti che complessivamente detengono una partecipazione pari all’16,30% del capitale sociale della Società alla Data del Documento di Ammissione hanno assunto nei confronti del Nomad e Global Coordinator impegni di lock-up validi fino a 18 mesi dalla Data di Inizio delle Negoziazioni e sul 100% delle Azioni della Società detenute alla data di sottoscrizione dell’accordo (le “Azioni Vincolate”) ed in particolare l’impegno, salvo il caso di deroga con il preventivo consenso scritto del Global Coordinator, a: a) non effettuare, direttamente o indirettamente, operazioni di vendita, trasferimento, atti di disposizione o comunque operazioni che abbiano per oggetto o per effetto, direttamente o indirettamente, l’attribuzione o il trasferimento a terzi, a qualunque titolo e sotto qualsiasi forma (ivi inclusa la concessione di diritti di opzione, costituzione di pegni o altri vincoli, prestito titoli) delle Azioni Vincolate (ovvero di altri strumenti finanziari, inclusi tra l’altro quelli partecipativi, che attribuiscano il diritto di acquistare, sottoscrivere le Azioni Vincolate nonché convertire in o scambiare con le Azioni Vincolate; e b) non approvare e/o effettuare operazioni su strumenti derivati, che abbiano i medesimi effetti, anche solo economici, delle operazioni sopra richiamate.

Restano in ogni caso escluse dagli impegni assunti dei suddetti azionisti: a) le operazioni di disposizione eseguite in ottemperanza a obblighi di legge o regolamentari; b) i trasferimenti in adesione ad un’offerta pubblica di acquisto o scambio sui titoli azionari della Società e rivolta a tutti i titolari di strumenti finanziari della Società; c) la costituzione o dazione in pegno delle Azioni della Società di proprietà dell’Azionista alla tassativa condizione che allo stesso spetti il diritto di voto, fermo restando che l’eventuale escussione del pegno da parte del creditore pignoratizio dovrà considerarsi alla stregua di un inadempimento dei divieti di alienazione di cui all’accordo; d) trasferimenti mortis causa; e f) eventuali trasferimenti da parte dell’Azionista a favore di una o più società direttamente e/o indirettamente controllate dallo o controllanti lo stesso, ai sensi dell’art. 2359, comma 1, del codice civile.